Seguici!

📦 Spedizione Gratuita sopra i 69 €

    L'articolo è stato aggiunto

    Ottieni uno sconto del 20%!arrow_drop_up

    L’importanza del consumo di alimenti a basso indice glicemico in Menopausa

    • person Eleonora Porfilio
    • calendar_today
    • comment 0 commenti
    cosa mangiare in menopausa benefici dieta a basso indice glicemico

    La menopausa è definita come la condizione riproduttiva dopo 6-8 mesi consecutivi di assenza di ciclo mestruale e si verifica ad un'età media di 51 anni, a seguito dei complessi cambiamenti ormonali in corso, oppure può insorgere in maniera precoce (prima dei 40 anni) in seguito a condizioni patologiche specifiche.

    Durante la menopausa, la composizione corporea delle donne, il profilo degli ormoni sessuali e il profilo metabolico possono cambiare drasticamente causando spesso caduta dei capelli, aumento di peso e possibile insorgenza del diabete di tipo 2.

    Perché succede questo? Gli estrogeni, ormoni sessuali femminili, svolgono diversi ruoli:

    1. nella fisiologia del sistema riproduttivo, regolando il ciclo mestruale e stimolando lo sviluppo delle caratteristiche sessuali femminili (ovaio, utero, seno, etc…);
    2. A livello cardiovascolare equilibrando i valori di colesterolo e trigliceridi;
    3. A livello del sistema nervoso centrale regolando il senso di fame e sazietà;
    4. A livello del sistema scheletrico mantenendo la salute delle ossa;
    5. Inoltre regolano la sensibilità all’insulina per prevenire un aumento di peso ed un’alterazione della glicemia nel sangue;
    6. Infine controllano e prevengono l’accumulo di grasso agendo sul funzionamento del fegato.

    Chiaramente la carenza di estrogeni favorisce la disfunzione metabolica che predispone all'obesità, alla sindrome metabolica e al diabete di tipo 2, MA NON GIUSTIFICA l’insorgenza delle stesse.

     

    Sintomi della menopausa

    I problemi maggiormente percepiti dalle donne sono:

    • nel 75% dei casi le vampate, la cui entità è direttamente proporzionale alla percentuale di grasso corporeo presente ed all’assenza di attività fisica;
    • Disagio psichico;
    • Risvegli notturni e stanchezza, a causa della carenza di estrogeni;
    • Problemi uro-genitali (infezioni ricorrenti);
    • Cambiamento a livello sessuale.

    Tutti questi sintomi vengono meno se vengono attuate diverse misure nutrizionali e non nutrizionali idonee. Dapprima il fumo e il consumo di alcool peggiorano lo stato infiammatorio del nostro corpo e quindi predispongono alle patologie prima citate.

     

    Cosa mangiare in menopausa

    L’alimentazione delle donne in generale ma soprattutto in menopausa dovrebbe contenere:

    1. Carboidrati a basso indice glicemico preferibilmente di sera, in quanto stimolano la produzione di serotonina e consequenzialmente di melatonina, entrambi utili per migliorare la qualità del sonno;
    2. Spezie che aiutano a regolare i livelli degli zuccheri nel sangue come la cannella;
    3. Alimenti ricchi di fibre che regolano il metabolismo dei carboidrati e dei grassi nel corpo;
    4. Legumi e similari (farina o pasta di legumi) per il loro quantitativo di zinco, efficace per ridurre il livello di stress e gli sbalzi umorali tipici;
    5. Omega 3, assimilabile da fonti ittiche, semi oleosi e frutta secca (pistacchio, noci…);
    6. Vitamina C presente maggiormente in alcune verdure e negli agrumi (arancia).

     

    E’ indubbiamente vero che la menopausa è una fase (non una malattia!) che tutte le donne attraversano, ma, come l’adolescenza, non è un periodo facile per la donna, che va sostenuta, tranquillizzata e non medicalizzata.

     

    A cura della Dott.ssa Claudia Priante

    Biologa Nutrizionista, esperta in Nutrizione Funzionale, Clinica e Sportiva

     

     

     

     

    Liquid error (layout/theme line 120): Could not find asset snippets/quantity-breaks-now.liquid